Miscellanea grafica

Loading...

21/02/07

HOLOMODOR

Clicca sull' immagine per vedere il filmato su Google


Il termine Holodomor deriva dall' espressione ucraina moryty holodom (Морити голодом), che significa "infliggere la morte attraverso la fame". In Ucraina, il giorno ufficiale di commemorazione dell' Holodomor è il quarto sabato di novembre.
Se è vero che la carestia che interessò l'Ucraina fu parte di un più ampio fenomeno che si manifestò in altre regioni sovietiche, il termine Holodomor si applica esclusivamente a quanto accadde nei territori abitati da genti di etnia ucraina. Proprio per questo motivo, l'Holodomor è anche noto come "il genocidio ucraino" o, in alternativa, "l' olocausto ucraino", a significare come, probabilmente, esso fu lo strumento appositamente pianificato dalle autorità sovietiche per distruggere la nazione ucraina come entità sia politica che sociale. Mentre gli storici sono ancora divisi sul fatto di considerare l'Holodomor un genocidio (sulla base della definizione legale di genocidio fornita dalla Convenzione per la prevenzione e la punizione del crimine di genocidio), diversi Stati (Ucraina, Argentina, Australia, Azerbaijan, Belgio, Canada, Estonia, Georgia, Ungheria, Italia, Lettonia, Lituania, Moldova, Polonia, Stati Uniti e Città del Vaticano)lo hanno già riconosciuto come tale, molti altri si stanno apprestando a riconoscerlo. Il governo ucraino ha istituito un giorno dell'anno, il 25 novembre (detto giorno della rimembranza), dove ricordare tale immane tragedia. (da Wikipedia)
Il genoicidio costò 10 milioni di vite umane. Da granaio d' Europa, l' Ucraina, una delle regioni più fertili del mondo per la ricchezza di humus e di acque, si trasformò in una landa di disperazione e di morte. Ancora oggi, dopo il passaggio all' indipendenza, a causa del cambiamento del sistema economico ha carenze alimentari, tant' è che deve importare persino il frumento. Dove sono finite le migliaia di trattori che aravano la sua terra nera?

18 commenti:

Lucy ha detto...

Molto si sa e si vede dello sterminio ebreo ai tempi del Nazismo, ma poco io stessa conoscevo di quello che è stato perpetrato ai danni degli Ucraini. Sei riuscita a fare un cortometraggio notevole in contenuto e atmosfera.

Angela ha detto...

Non è merito mio: l' ho trovato in internet e l' ho linkato pari pari. Ne ho trovato anche un altro più lungo con testimenianze verbali di testimoni dell' epoca. Il documentario è in lingua inglese ed è stato fatto dagli americani.

angela f. ha detto...

Sconoscevo totalmente questa pagina di storia. Come è possibile che un'evento così grave venga totalmente ignorato?

Angela ha detto...

Anche l' Italia, come le altre nazioni di cui si parla nel post, riconosce il genocidio degli Ucraini. Un quarto della popolazione ucraina fu sterminata. Perché la gente comune non sa? Fino a pochi anni fa, ben pochi, anche istruiti, sapevano dove si trovasse l' Ucraina. Mia madre mi raccontava che sua madre, che avev vissuto quei tempi, diceva che non c' era una foglia su un albero, nè un topo in città. Molti furono i casi di cannibalismo. In seguito, provvidero le purghe staliniane del '36/'38 e i nazisti nel '41 a distruggere quello ch' era rimasto. E pensare che il motto ucraino è " Volja, Zlahoda, Dobro" LIBERTA' UNIONE BONTA'. L' inno nazionale dice" L' Ucraina non è ancora morta...."

Enza ha detto...

Splendido questo blog.
Belissime anche le poesie ucraine.
Complimenti carissime Angela e Lucy.
Enza

Angela ha detto...

Grazie, Enza!!! Se vuoi collaborare, t' iscrivo. Fammi sapere. Ciao!!!

andrea ha detto...

stupendo blog alla prima occasione lo faccio vedere anche a mia moglie.purtroppo non ho internet a casa.complimenti
andrea

Angela ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Angela e come potrei collaborare io di ucraino, a parte la mia collaboratrice ad ore Svitlana, non conosco proprio niente.
Enza

Angela ha detto...

Grazie, Andrea!!! Se tua moglie è ucraina, come credo, potrebbe scrivere una sua testimonianza ed inviarmela per email? Poi provvederei io a pubblicarla sul blog. Rispondimi qui o anche sul gruppo d MSN.

Angela ha detto...

Enza, ogni contributo è prezioso. Sei una grafica, no? E Svetlana potrebbe essere molto utile per notizie e contributi di vario tipo.

Lucy ha detto...

Sarebbe simpatico che ognuno potesse contribuire con notizie che difficilmente girano su Internet. Leggende e curiosità, usanze particolari del popolo ucraino, credo che sarebbero le più gradite.

Angela ha detto...

Per questo ci si dovrebbe attivare, Lucia. Non si può basarsi solo su ciò che offre la rete e pubblicarlo qui. Io ho i riferimenti sentimentali e di memoria da offrire. Occorrerebbe anche materiale vivo, fornito da persone che hanno frequentazione con l' Ucraina. Per questo motivo, ho messo il link ad un gruppo che vive in Italia. Visitatelo, ed iscrivetevi, se volete, come ho fatto io.

Anonimo ha detto...

ciao,
bellissimo.
mi fa anche molta tristezza.
posso contribuire anche io a questo sito in qualche maniera?
ciao Irina

Angela ha detto...

Rispondo ad Irina. Grazie. Anche a me fa molta tristezza. Ho appena finito di leggere una tesi sulla situaziobe dei ruoli uomo-donna nei Paesi dell' Est, ripercorrendo tutto il periodo sovietico fino ai giorni nostri. Se mi scrivi in email e mi racconti qualcosa di te, potresti contribuire a questo blog che si ripromette di far conoscere l' Ucraina e il suo popolo un po' di più, non solo come popolo di "badanti". Ciao, Irina.

cip ha detto...

Ciao Angela, sono qui :) finalmente sono riuscita ad attivare un account con google eh eh lo sai che sono imbranata.

Angela ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Angela ha detto...

Benvenuta, Cip!!! Attendo tuoi capolavori.